Top

Gli antipartitocratici di G. Innocenzi Prestigiacomo: poltrona-ideali 2-0

luglio 24, 2009 di Redazione 

Nuovo grande pezzo di Giulia nella sua rubrica sul nostro giornale. La giovane esponente Radicale, di- rigente di Italia Futura analizza le scelte del ministro dell’Ambiente, già capace di prese di posizione critiche nei confronti del Governo (precedente) del quale fa parte e, tuttavia, apparentemente ora disposta ad accettare una forte riduzione (con delega) di poteri in materia di autorizzazione ambientale. Sentiamo.

Nella foto, Giulia Innocenzi. Le pagine personali allì’indirizzo http://giuliainnocenzi.com

-

di GIULIA INNOCENZI

La Prestigiacomo si è risvegliata dal torpore nel quale era stata risucchiata. Il ministro dell’ambiente, dopo il silenzio assoluto sull’abuso edilizio certificato con il piano casa, dopo l’oblio durante le polemiche sul destino della munnezza napoletana e l’emersione di quella palermitana, e dopo che non si è sentito proferire verbo (forse perché Floris non le aveva concesso udienza?) sulla grande riconversione dell’energia italiana al nucleare, si è risvegliata. Sì, perché infilare nel decreto anti-crisi i commissari straordinari che al posto suo avranno i poteri di autorizzazione in materia ambientale, forse è un po’ troppo.
Allora che fa la pasionaria berluskoniana, si dimette? “Nella mia vita non ho mai minacciato di dimettermi. Mi affido a Silvio Berlusconi”. E te pareva. Mai una volta che in Italia qualcuno sia disposto a perdere la poltrona per la causa. Neanche quando per gli impianti nucleari non ci sarà bisogno di alcuna analisi sull’impatto ambientale, tanto ci penseranno i commissari di Calderoli (ministro della semplificazione del rompimento di balle per la salute altrui).
Chi scrive, però, se lo aspettava: dopo che il decreto-legge anti-Eluana era stato votato all’unanimità dal Consiglio dei ministri, quindi anche dalla profecondazione assistita, prolaicità, prolibertà di scelta Stefania Prestigiacomo, nessuna sorpresa per l’ennesimo atteggiamento “coerente” con i suoi “ideali”.

GIULIA INNOCENZI

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom