Top

DETENUTI IN ITALIA: IL PROBLEMA DELLE CARCERI ITALIANE

luglio 23, 2009 di Redazione 

Il Politico.it apre questa mattina con un’interessante riflessione sullo stato delle carceri nel nostro Paese. Notoriamente sovraffollate, invivibili alcune, vengono periodicamente svuotate tramite indulto. Il governo però quest’anno ha voluto optare per formule alternative, inizialmente si era pensato al braccialetto elettronico, ora il Guardasigilli assicura che verranno costruiti nuovi istituti penitenziari, sebbene ve ne siano alcuni ben noti inutilizzati da anni. Il dubbio sollevato in questo articolo da Michele Savino è che il problema non si possa risolvere semplicemente con altro cemento. Sentiamo.di Michele SAVINO

La politica del Governo in tema di sicurezza non tiene conto dello stato in cui si trovano le carceri italiane. Aspetto troppe volte sottovalutato da tutta la politica italiana, dovrebbe essere uno dei problemi prioritari da affrontare. Non basta costruire nuove strutture entro il 2012 (cosa abbastanza difficile in quanto un carcere per essere operativo ha bisogno di almeno una decina di anni) per avere 12.000 posti in più. Le “galere” nostrane attualmente hanno una capienza di 43.117 posti, a fronte di una popolazione carceraria di 63.217 detenuti, con una media di circa 1000 nuove “entrate” al mese. Di questo passo nel 2012 servirebbero circa 100.000 posti, di conseguenza le nuove strutture dovrebbero assicurare una capienza totale per 50.000 persone.

Oltretutto, già adesso, gli istituti di pena italiani mostrano gravi carenze nell’ organico. Mancano all’ appello un quinto dei membri della polizia penitenziaria previsto, mentre gli psicologi e gli educatori sono oramai diventati delle vere e proprie rarità disponibili solo per alcune strutture. Ciliegina sulla torta, i soldi per costruire nuove carceri sono in parte (la cifra supera i cento milioni di euro) presi dalla Cassa delle Ammende, un fondo istituto per programmi di reinserimento dei detenuti.

Il risultato è che la pena detentiva non diventa uno strumento in cui la persona paga il suo errore attraverso la privazione delle sue libertà fondamentali (come attestato da tutte le Convenzioni internazionali ed europee sulle carceri), ma un vero e proprio “inferno”, dove, tra sovraffollamento e mancanza di strumenti, l’ obiettivo è quello di non impazzire. A tal proposito, un dato su cui riflettere è l’ aumento di suicidi in questi ultimi mesi. Secondo il dossier “Morire di Carcere” realizzato dal Centro Studi di Ristretti Orizzonti, i suicidi avvenuti nei primi cinque mesi del 2009 sono stai 29, il dato più alto dal 2002.

È ovvio che la costruzione di nuove strutture carcerarie non è la soluzione, ma solo l’ ennesima falsa illusione di risolvere un problema. Con l’ introduzione del reato di clandestinità, queste cifre sicuramente aumenteranno. Per arginare questa vera e propria “falla” della società, bisogna studiare nuovi metodi. Iniziando dall’ abrogare quel comma della legge Giovanardi riguardante l’ uso di sostanze stupefacenti che equipara consumatore e spacciatore, dal pensare a nuovi metodi di detenzione per le persone in attesa di giudizio (il cui numero si attesta su circa 31.000 detenuti, quasi la metà) fino al riattivare programmi di reinserimento, sia durante che dopo il carcere, per i detenuti, allo scopo di diminuire la percentuale di recidività.

MICHELE SAVINO

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom