Top

Europee, gli ultimissimi sondaggi in rete Varenne non raggiunge il tempo del 40

giugno 5, 2009 di Redazione 

Proseguono le corse ippiche in vista del voto di domani e domenica. Il giornale della politica italiana vi propone gli ultimi aggiornamenti dall’ippodromo. In testa c’è sempre il cavallo del popolo che non riuscirebbe, però, a infrangere il muro del suono fermandosi ad un tempo di 39. In crescita Fan Idole che resta comunque ampiamente sotto i 29 (ma in un altro ippodromo arranca a 25). Speranze nelle retrovie, dove c’è chi può aspirare a gareggiare anche nella prossima corsa. Il servizio, di Attilio Ievolella.

Nella foto, uno dei cavalli in corsa spronato dal suo fantino

-

di Attilio IEVOLELLA

Da un ippodromo o da una libreria, poco cambia, abbiamo scritto. Ma una piccola correzione in corsa dobbiamo farla: questa volta, oltre che da un ippodromo, ci colleghiamo, idealmente, da un megastore musicale. Perché, in questo caso, non è solo la solita (finta) corsa clandestina di cavalli, ma anche i (metaforici) dati di vendita di opere musicali a vestire – on line e in diversi blog – le previsioni di voto per le Europee.

Allora, facciamo assieme, subito, un giro degli ippodromi nazionali principali. Le ultime corse – due datate 4 giugno – hanno dato risultati scontati solo in parte.
Il primo confronto al galoppo ha visto, come facilmente preventivabile, la chiusura in tesa di Varenne, col tempo di 38,5. Secondo, con un distacco ridotto rispetto alle corse precedenti, Fan Idole, che, con 28,5, segna un piccolo miglioramento. Terza piazza per il nordico Groom de Botz, anch’esso in crescita, con un buon 9,5.
Subito dietro, Galopin du Ravary, con un 7 netto – senza recupero, in questa corsa, sull’amico-rivale Fan Idole -, e Ipson de Mormal, con un 6 netto.
Più complicata la corsa per il resto del gruppo, che comprende Hirosaka, il rosso General du Pommeau, Gebrazac e Grace Ducal: l’obiettivo è riuscire ad ottenere almeno il tempo di qualificazione per il Gran Prix d’Europa.
Il secondo confronto, sempre di corsa, ha modificato ancora il quadro dei tempi, ma non le posizioni. Primo Varenne, con 39 netto – anche se l’obiettivo resta sempre puntato sulla soglia del 40 -; secondo Fan Idole, con un 25,5 nella norma; terzo, e in crescita, Groom de Bootz, con un egregio 10,5. La quarta piazza è appannaggio di Galopin du Ravary, che conferma il 7 netto, e la quinta spetta a Ipson de Mormal, con un 6,5 in crescita.
Le indicazioni più importanti, però, arrivano dalle retrovie, dal fondo del gruppo, dove Hirosaka e General du Pommeau toccano il tempo di 3,5, riuscendo a inquadrare l’obiettivo del 4 netto per l’accesso al Gran Prix d’Europa. Mentre Gebrazac, con un 3 netto, e Grace Ducal, con un 2,5, paiono arrancare.

È invece di pochi minuti fa l’ufficialità dei risultati della terza corsa, datata, quest’ultima, 5 giugno. E l’esito finale costringe i cronometristi ad aggiornare le loro analisi. Innanzitutto perché il vincitore usuale, Varenne, fa registrare un eccellente 41 netto: come detto prima, superare quota 40 è l’obiettivo. Segnali di crescita – tutti da verificare – anche per Fan Idole, secondo con 27,5. Terzo Groom de Bootz con un 10 netto, poi, più staccati, Galopin du Ravary (7,5) e Ipson de Mormal (6 netto).
Altra novità importante è rappresentata da General du Pommeau, che riesce a raggiungere il 4 netto che gli consentirebbe di accedere al Gran Prix d’Europa. Per gli altri cavalli, invece, la soglia di qualificazione è ancora lontana: Hirosaka stacca un 3,2, Grace Ducal un 3 netto e Gebrazac un 2,4.

Aggiornamenti altrettanto rilevanti arrivano, come detto in apertura, da diversi megastore musicali. Sotto osservazione le opere che da una settimana si contendono il mercato, questa volta musicale, in altre occasioni editoriale.
Ebbene, le ultime rilevazioni in materia di dati di vendita confermano l’andamento già registrato negli ultimi giorni. In testa, praticamente il preferito, Il vecchio e la bambina, che balla attorno alle 39mila copie. Minori risposte per (Non) Mi fido di te, che oscilla tra le 25mila 500 e le 28mila 500 copie. Terza piazza per Va’ pensiero, capace di toccare anche le 10mila 500 copie. Poi, a seguire, In questo mondo di ladri (tra 7mila e 9mila 200 copie) e Symbolum 77 (sempre sopra le 6mila copie).
Per il resto, però, gli acquisti sono molto contenuti, tutti sotto quota 4mila per Vitti na crozza, Il Triangolo e Bandiera rossa.

A presto per ulteriori aggiornamenti, destinati a intensificarsi nelle prossime ore…

Attilio Ievolella

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom