Top

Europee, in rete i sondaggi “clandestini” Ecco ultimi tempi di Varenne e Fan Idole

giugno 4, 2009 di Redazione 

Da poco meno di quindici giorni, lo sapete, non si possono più pubblicare sondaggi sulle Europee e le amministrative. Se mettiamo, tuttavia, che le elezioni siano una corsa ippica, o un confronto tra libri sugli scaffali delle rivendite… Ecco un report aggiornato delle migliori ”prove” di questo tipo in giro per il web.
Interviste ai candidati: Ciocchetti (Udc)

 

Nella foto,

una corsa di cavalli

-

di Attilio IEVOLELLA

“Stop ai sondaggi”. Da sabato 23 maggio. La norma lo prevede nella fase di avvicinamento all’appuntamento elettorale, comunitario, nazionale o locale che sia. E lo conferma anche il ‘blocco’ del sito www.sondaggipoliticoelettorali.it. Ma la realtà – almeno sul web, oltre che nelle segreterie di partito – è comunque fatta di previsioni numeriche e percentuali sulle indicazioni di voto rispetto ai singoli partiti, anche dopo la fatidica data di chiusura.
L’aggiornamento, dal 25 maggio in poi, è stato costante, quasi quotidiano. E, navigando on line, da moltissimi blog – questi rappresentano la fonte principale – è stato possibile trarre e interpretare le ultime previsioni.

Tutto ciò, sia chiaro, va preso con le molle. Anche se costituisce, comunque, una proiezione, assai interessante, dei rapporti di forza nel contesto italiano.

Le ultime corse di cavalli clandestine sono datate 3 giugno. Due corse nell’arco di poche ore, quasi per testare la resistenza dei cavalli.
L’esito, nelle due corse, è assai simile. Il vincitore, ovvero Varenne, per l’appunto -, conquista ‘tempi’ che vanno dal 38,5 al 40,4. A seguire Fan Idole (con un risultato che oscilla tra il 26,7 e il 25,4, comunque inferiore alle attese), il nordico Groom de Bootz (in crescita, tra il 10,1 e il 9,3), Galopin du Ravary (tra il 7,3 e il 5,9, e che pare poter raddoppiare il risultato ottenuto lo scorso anno, rosicchiando da Fan Idole) e, infine, Ipson de Mormal (stabile con il 5,7). E in coda, poi, i cavalli (Gebrazac, General du Pommeau, Hirosaka, Grace Ducal) che rischiano di arrivare fuori tempo massimo.

Aggiornato al 3 giugno anche l’altro riferimento sondaggistico non ufficiale, ovvero le ultime classifiche di libri venduti. Riportarne i risultati è assai utile, anche per un confronto.
In questo caso, le statistiche da considerare sono riferite a tre analisi diverse. E, come prima, l’esito è sostanzialmente simile in tutte e tre le classifiche.
L’opera più apprezzata dai lettori, ovvero Il vecchio e la bambina, oscilla tra il 40,4 e il 38,5, seguita, a debita distanza, da (Non) Mi fido di te, con lettori che vanno dal 27 al 26,4. Poi Va’ pensiero (tra 10,1 e 8,8), In questo mondo di ladri (tra 7,3 e 5,9), Symbolum 77 (tra 5,9 e 5,7). E, anche analizzando tali statistiche, emerge che molte altre opere (Vitti na crozza, Il Triangolo, Bandiera rossa) sono lontani dalla soglia minima di lettori, almeno in ambito europeo.

Quest’ultimo dato costituisce argomento assai di rilievo, pure ragionando in una prospettiva prettamente nazionale. Anche per questo proseguiremo la navigazione on line per aggiornamenti (anche) quotidiani. Da un ippodromo o da una libreria, ci si passi la battuta, cambia poco…

Attilio Ievolella

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom