Top

Diario politico. Contestati Berlusconi e Matteoli a Viareggio. ‘Stato d’emergenza’

giugno 30, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

La nota politica quotidiana de il Politico.it. La firma, stasera, è di Carmine Finelli. Diario dedicato oggi in larga parte alle conseguenze dell’esplosione del carro-cisterna carico di Gpl avvenuta nella tarda serata di ieri nella stazione del comune toscano, di cui vi abbiamo raccontato stamattina. 14 le vittime accertate alla fine di una lunga giornata di scavi e verifiche. Vi rendiamo conto delle reazioni della politica italiana. Oltre a questo c’è l’annuncio di Chiamparino che rinuncia a candidarsi alla segreteria Pd. Bersani presenta squadra e contenuti. Il racconto. Read more

***Diario di deputato***
VI SVELO COME SI MUOVE OBAMA CON L’IRAN
di ANDREA SARUBBI*

giugno 30, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Nuovo contributo del parlamentare del Partito Democratico. Sarubbi ci racconta oggi di un incontro avuto con un diplomatico Usa che conosce bene la situazione a Teheran. Sentiamo. Read more

L’opinione. Viareggio e le infrastrutture decrepite di G. Lerner

giugno 30, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Dopo avervi raccontato i fatti della notte, il giornale della politica italiana vi propone questo commento dell’ex direttore del Tg1. Le ore immediatamente successive ad una tragedia – è stato per ogni terremoto che si sia verificato nel nostro Paese, accade di nuovo in queste ore per il disastro toscano – sono quelle delle recriminazioni e della ricerca del colpevole. Lerner punta il dito contro la scarsa modernità delle costruzioni abitative e logistiche da noi. Sentiamo. Read more

Esplode nella notte un treno merci a Viareggio. 15 morti, oltre 30 feriti

giugno 30, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Erano da poco passate le 23 di ieri, quando il convoglio diretto a Pisa, contenente gpl, è deragliato poco prima dell’ingresso nello scalo del comune della provincia di Lucca. Il gas liquido è fuoriuscito e si è incendiato, provocando una fortissima deflagrazione. Tre esplosioni che hanno investito edifici e automobili, causando una strage. Il giornale della politica italiana, come nei giorni del terremoto, vi racconta questo terribile fatto di cronaca, del quale vi aggiorneremo ancora durante la giornata. Il servizio è di Laura Liucci. Read more

Diario politico. Il premier: “Governo non cade” Napolitano: “Una tregua per il G8″

giugno 29, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

La nota politica quotidiana de il Politico.it. La firma, stasera, è di Carmine Finelli. Grande dossier con le dichiarazioni di Berlusconi, il puntello di Fini alle parole del presidente del Consiglio, l’invito del capo dello Stato a stampa e parti politiche e l’intervista di Sergio Chiamparino a “Repubblica”, nella quale il sindaco di Torino parla della propria disponibilità a correre per la segreteria qualora “le due mozioni in campo coprissero solo una parte degli stati d’animo del partito”. Il racconto più completo, ricco, specializ- zato. Solo sul giornale numero uno. Read more

Ecco cosa si muove a sinistra del Pd. A Chianciano i Radicali ‘chiamano’ Vendola

giugno 29, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Mentre a Torino si teneva la convention Democratica, in Toscana si riuniva il partito di Bonino e Pannella. All’ordine del giorno l’idea di un nuovo soggetto liberale e riformatore, che vada oltre il cartello elettorale che fu della Rosa nel Pugno. Il 3 luglio a Roma l’assemblea di Sinistra e Libertà che dovrà dare una risposta. Ma i Radicali non escludono nemmeno l’ingresso in un Pd rinnovato. Ce ne parla Antonio Bruno. Read more

Opinione. Aspetto più candidature alla segreteria Pd di G. Lerner

giugno 29, 2009 by Redazione · 1 Comment 

Il conduttore de L’Infedele intervie- ne nel dibattito pre-congressua- le. L’auspicio di Lerner è che il confronto sia – finalmente - libero e aperto, senza alleanze “equivoche” motivate dalla convenienza personale di chi sale sul carro del vincitore. E, a questo fine, invita chi finora non si è fatto avanti a candidarsi. “Vedrei con favore” una discesa in campo “di Chiamparino”, “ma non mi basta: altri, e soprattutto altre, si facciano avanti”. Sentiamo. Read more

Fotoracconto del Lingotto dei “piombini” Ecco in 47 immagini la Woodstock del Pd
di CARLO TRAINA

giugno 28, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Il giornale della politica italiana è stato il solo quotidiano on line a raccontarvi in tempo reale la convention Democratica di ieri. Ora, ancora una volta in esclusiva, il Politico.it è in grado di proporvi questo bellissimo fotoracconto in quasi cinquanta scatti della riunione di Torino. La firma è di Carlo Traina, fotografo del movimento. Buona visione. Read more

Il grande testimone. A pranzo con Sandro Pertini di Onofrio Pirrotta

giugno 28, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Nuovo, grande racconto tra perso- nale e politico dell’ex inviato speciale del Tg2 poi al Tg3 e collabo- ratore de “il Mondo”, “Panorama”, “L’Europeo”. Dopo averci parlato di Amendola, Pirrotta ci porta a conoscere attraverso aneddoti, ricordi, testimonianze in prima persona la figura del presidente più amato dagli italiani, a 24 anni dalla fine del suo settennato. Un’amicizia personale, gli incontri frequenti al ristorante di Montecitorio nei due anni tra la presidenza della Camera e l’ascesa al Quirinale di Pertini, sono il filo conduttore di questo ritratto, che rievoca anche il periodo del fascismo, l’incontro con Gramsci, le condanne subite (l’ultima a morte, scampata grazie ad una fuga da Regina Coeli) e la vita privata del presidente. Un pezzo da non perdere, scritto per Facebook da uno dei maggiori e più autorevoli osservatori degli ultimi trent’anni di politica italiana. Buona lettura. Read more

Diario politico. Premier: “No alla manovra correttiva” Pd, Chiamparino terzo nome?

giugno 27, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

La nota politica quotidiana del il Politico.it. La firma, stasera, è di Carmine Finelli. Viaggio a sorpresa di Berlusconi a Corfù per assistere ai lavori del vertice Nato-Usa. Smentite le voci su una finanziaria-bis. Il presidente del Consiglio è poi tornato sulle dichiarazioni di ieri: “Non ho mai detto di chiudere la bocca ai media o alle istituzioni”. A Torino è stato il giorno della convention dei giovani del Pd, che vi abbiamo raccontato nella diretta di Ginevra Baffigo. Facciamo il punto sulle mosse dei big. Il racconto. Read more

Pd a congresso. Convention dei piombini Il testo della diretta scritta de il Politico.it

giugno 27, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

E’ stato il giorno della “Woodstock democratica”, l’incontro a Torino della componente dei giovani del Pd che mira a sostituire l’attuale dirigenza per produrre un cambiamento radicale. All’ordine del giorno definizione della piattaforma e, sembrava, la tanto agognata (dalla base) terza candidatura alternativa a quelle di Franceschini e Bersani. Nulla di fatto per il momento. Ma la giornata è stata ugualmente molto ricca. Il giornale della politica italiana ve l’ha raccontata in tempo reale. Read more

Diario politico. Premier: “Chiudere bocca a catastrofisti”. Congresso Pd 11 ottobre

giugno 26, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

La nota politica quotidiana de il Politico.it. La firma, stasera, è di Carmine Finelli. Esecutivo impegnato nel varo delle nuova misure anticrisi per circa 2 miliardi di euro. Berlusconi invita di nuovo i media a non diffondere pessimismo e attacca come a Santa Margherita: “Gli imprenditori minaccino di non dare pubblicità”. Direzione nazionale dei Democratici al Nazareno: divisioni sulla soluzione congressuale. Il racconto. Read more

Pd a congresso. Intervista a Marta Meo: “Sparigliare questo gioco di ex”

giugno 26, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Ultima puntata dell’inchiesta del giornale della politica italiana sui cosiddetti ”piombini”, il gruppo di giovani Democratici che punta a sostituire l’attuale dirigenza per produrre un cambiamento radicale, e che domani si ritrova a (pre)congresso al Lingotto, a Torino. Attilio Palmieri ha sentito Marta Meo, altra esponente di spicco della componente. Meo frena rispetto alla possibilità che già domani possa uscire una “terza candidatura”, ma conferma la necessità di far uscire il confronto dai vecchi schemi. Sentiamo. Read more

Il ritratto del personaggio della settimana. L’amico Sandro Bondi

giugno 26, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Secondo “affresco” dal nostro vicedirettore. Il “pretesto” sono le dichiarazioni polemiche rivolte dal coordinatore Pdl a “Repubblica” e la diatriba con Eugenio Scalfari. Il risultato è un altro grande ritratto, anche stavolta accompagnato dalla straordinaria illustrazione di Pep Marchegiani, in esclusiva per il Politico.it. Un pezzo da scaricare e conservare, un disegno da collezione. Dopo D’Alema, dunque, ecco il ministro Bondi. Solo sul giornale numero uno. Read more

***L’opinione delle grandi firme***
IL NUOVISMO DI FRANCESCHINI
di FABRIZIO RONDOLINO

giugno 26, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Prosegue il dibattito pre-congressuale del Partito Democratico. Ed è il giornale della politica italiana ad ospitarlo. Dopo lo scoop della disponibilità iniziale dei “piombini” a valutare l’allora ancora eventuale ricandidatura del segretario, oggi è la grande firma della “Stampa” ed ex portavoce di Massimo D’Alema ai tempi della presidenza del Consiglio ad intervenire. E lo fa con toni critici nei confronti di Franceschini, accusato di non rappresentare quel “nuovo” che ha detto di voler interpretare. Sentiamo. Read more

Pd a congresso. Intervista a Sandro Gozi: “C’è spazio per una terza candidatura”

giugno 25, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Penultima puntata dell’inchiesta de il Politico.it sui cosiddetti “piombini”, la componente di giovani democratici che punta a sostituire l’attuale dirigenza producendo un cambiamento radicale. Sabato è il giorno del Lingotto, dove i “quarantenni” del partito si riuniranno per predisporre una loro piattaforma. Dopo Scalfarotto e Civati, il giornale della politica italiana dà spazio a Sandro Gozi, prodiano, deputato del Partito Democratico. Ed è stato proprio su queste pagine che è partito il dibattito circa la possibilità di una nuova candidatura. Nell’intervista di apertura, Scalfarotto disse che un Franceschini che si fosse proposto come traghettatore per il rinnovamento andava seguito “con attenzione”. Il popolo dei “piombini” manifestò un certo malcontento, e toccò a Pippo Civati rilanciare sempre su il Politico.it l’ipotesi di scendere in campo con un terzo nome. Ipotesi che oggi viene rafforzata da Gozi, intervistato da Ginevra Baffigo. Sentiamo. E domani, ultima puntata: colloquio con Marta Meo. Non perdetelo.
LA LETTERA – Il Sud dimenticato di E. Santaniello Read more

L’intervento. Il lavoro al centro del congresso di Marianna Madia

giugno 25, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Tra breve usciremo con la penultima puntata della inchiesta sui “piombini”, in vista della “Woodstock democratica” (come la definisce il suo principale organizzatore, Pippo Civati) di sabato al Lingotto: e sarà un’intervista a Sandro Gozi, parlamentare ed altro esponente della componente. Ma proprio al pre-congresso di sabato vogliamo fornire un contributo importante da parte di una delle persone che guardano con interesse al movimento. La deputata del Partito Democratico propone questa riflessione sul tema del lavoro, affrontato in una chiave che, in qualche modo, supera il punto di vista (di una parte) dei “piombini”. E, per questo, il pezzo rappresenta un documento di interesse che il giornale della politica italiana consegna alla discussione del Lingotto. Read more

Obama ritenta laddove Hillary fallì. Ecco in cantiere la riforma sanitaria americana

giugno 25, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Una sanità non pubblica ma accessibile ai più. Sapete che negli Stati Uniti le cure si pagano. E molti americani, i meno abbienti, ne sono al momento esclusi. Il presidente del cambiamento si gioca molto in questa partita per allargare la platea. Un tentativo che aveva già fatto l’allora first lady ai tempi della presidenza Clinton. Risultato: nessuna riforma e alle elezioni di mid-term vittoria dei Repubblicani che conquistarono il Congresso. Anche il presidente nero ha molti avversari, tra i quali diversi nelle stesse file del suo partito. Per questo ha approntato una soluzione più soft. Ce ne parla Antonio Bruno.            Read more

L’opinione. La mignottocrazia non può abbattere Berlusconi Guzzanti

giugno 25, 2009 by Redazione · 1 Comment 

Intervento dell’ex vicedirettore del “Giornale” e deputato del Partito liberale italiano su “Panorama” e il Politico.it. Interessante riflessione di Guzzanti che scrive che le vicende del presidente del Consiglio sono anche pubbliche  «appartenendo alla più pubblica delle persone» e sul piano dell’immagine costituiscono un fatto grave. Ma «l’idea di poter abbattere un leader democraticamente eletto e appena riconfermato con qualsiasi forma di “spallata”, è un’idea a mio parere golpista». E tuttavia «non credo neanche ai complotti». Da non perdere. Sentiamo. Read more

Iran, diplomazia internazionale al lavoro Ma da Teheran giungono soltanto rifiuti

giugno 25, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Le dichiarazioni dei capi di Stato europei e di Obama che denunciano gli atti di violenza. La volontà espressa dal ministro degli Esteri Mottaki di ridimensionare i rapporti con la Gran Bretagna, accusata di fomentare la massa in rivolta insieme ad Usa ed Israele. Infine, il rifiuto dell’invito alla partecipazione al G8 di Trieste rivolto da Frattini. Il rischio è, anche, di una destabilizzazione della situazione in Medioriente. Ce ne parla la nostra Désirée Rosadi. Read more

Diario politico. Il segreDario si ricandida Il Gruppo L’Espresso querela Berlusconi

giugno 24, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

La nota politica quotidiana de il Politico.it. La firma, stasera, è di Carmine Finelli. E’ stato il giorno in cui il segretario del Partito Democratico, Dario Franceschini, ha annunciato la propria ricandidatura alla guida del partito in vista del congresso di ottobre. Dopo l’anticipo di oggi in tempo reale, ve la raccontiamo con le prime reazioni. Mentre il presidente del Consiglio si è mosso su tre fronti: l’inchiesta di Bari, che prosegue con una nuova pista – per altri incontri e feste alle quali avrebbe partecipato Berlusconi – che conduce a Cortina. L’assemblea della Confcommercio, alla quale per la prima volta dopo molti anni non riesce a partecipare per un “torcicollo”. E ciò di cui vi riferiamo nel titolo, che nasce dalle dichiarazioni del Cavaliere a Santa Margherita, quando aveva invitato gli industriali a non comprare pubblicità ai “giornali disfattisti”. Il racconto. Read more

L’intervento. La7 “ridimensiona” Crozza, mia solidarietà G. Lerner

giugno 24, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Ancora un pezzo su politica&tele- visione. Accoppiata con l’analisi sul nuovo Tg1 di Minzolini e i fatti di Bari. Intervento del conduttore de L’infedele sulla decisione, resa nota oggi, della terza televisione italiana di ridurre gli spazi riservati al comico genovese nel corso della programmazione autunnale. Il Crozza Live sostituito da un talk condotto da Luca Barbareschi. Un ribaltamento della linea editoriale che Lerner riconduce alla necessità, per i proprietari (Telecom, lo ricordiamo), di “avere un rapporto sereno e collaborativo con il governo in carica, qualunque esso sia”. Sentiamo. Read more

Minzolini a “processo” per il nuovo Tg1
Sul Bari-gate ecco un confronto col Tg5

giugno 24, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

La guida del principale telegiornale italiano è investita da un ciclone polemico per non avere dato o avere dato con un taglio molto anomalo le notizie sulle vicende che stanno riguardando il presidente del Consiglio, a cominciare dal caso-D’Addario. Il giornale della politica italiana si preparava ad uscire con un pezzo complessivo sul nuovo corso dei tiggì. I fatti di questi giorni rendono il servizio di particolare attualità. Ecco un’analisi-raffronto su come i fatti di Bari sono stati raccontati da Minzolini e dal Tg5 di Mimun. E sotto, un commento di Lerner su Crozza. Read more

L’analisi del voto. Ma Franceschini sbaglia a ricandidarsi di L. Crespi

giugno 24, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Il giornale della politica italiana è unico nel panorama dell’informa- zione in Italia anche per la qualità assoluta delle sue firme prestigiose e dei loro commenti. Come si può chiudere meglio una serie di servizi sulle elezioni che con una grande analisi di uno dei maggiori analisti politici italiani? L’ex spin doctor di Silvio Berlusconi analizza le due tornate elettorali. Il numero uno dei sondaggi sul giornale numero uno. Da non perdere. Per farsi un’idea chiara su come davvero si sono chiuse le elezioni. Read more

Franceschini si ricandida alla segreteria E parte così la corsa alla leadership Pd

giugno 24, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

In un video pubblicato sul proprio sito internet il segretario del Partito Democratico annuncia che correrà al congresso. “Avevo detto che il mio compito finiva ad ottobre, ma ho visto rinascere vecchi vizi: protagonismi, litigi. Non potevo tradire le giovani generazioni. Punterò su di loro”.  Ieri era stata la volta di Bersani (anche lui con una lettera diffusa sul suo blog). Ma in campo ci sono anche altri, tra cui il “nostro” Adinolfi. E sabato la Lingotto dei “piombini”. Read more

***Diario politico – Speciale elezioni*** Cesa: “Udc fa differenza ovunque” Podestà: “Vittoria dedicata a Berlusconi”

giugno 23, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Dossier speciale del giornale della politica italiana sul secondo turno delle elezioni amministrative. Provincia per provincia, grande comune per grande comune il racconto dell’esito del voto nelle parole a caldo dei protagonisti, vincitori e vinti. Un punto di vista unico e specializzato, firmato Gabriele Canarini. Da non perdere. Read more

Pd a congresso. Toni e Iaquinta, D’Alema e Veltroni di M. Adinolfi

giugno 23, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

I ballottaggi sono alle spalle. Non ci sono più appuntamenti elettorali in mezzo. La partita può cominciare. Il dibattito congressuale del Partito Democratico, il confronto tra i candidati e le diverse piattaforme parte ufficialmente oggi. Il giornale della politica italiana lo ha anticipato lanciando la sua inchiesta sui “piombini”, la componente giovane del Pd che vuole il rinnovamento radicale. L’intervista a Civati e, soprattutto, quella a Ivan Scalfarotto, che teorizzava un possibile apparentamento con Franceschini e la sua mozione, hanno fatto molto rumore. Ed è proprio a loro che il grande blogger, giornalista (fresco stamattina di un faccia a faccia con Eugenio Scalfari nel suo programma “Finimondo” su Redtv), e ora anche candidato alla segreteria ad ottobre, si rivolge attraverso questo intervento molto duro scritto ieri nel post-disfatta (di cui risente) della Nazionale in Sudafrica, e che il giornale della politica italiana sceglie di proporvi oggi ad urne chiuse, dopo avere dedicato tutto lo spazio della seconda metà di lunedì alle elezioni. Sentiamo. Read more

Referendum, il giorno più nero. Ma non vince nessuno. Ora cambia. Un po’ tutto

giugno 23, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

E’ stato il peggior risultato nella storia dell’istituto: mai così bassa la percentuale di votanti. Raggiungimento del quorum fuori discussione almeno dal giorno dell’accordo tra Pdl e Lega, subito dopo le Europee. Ma la scarsa affluenza, alimentata probabilmente anche da fattori tecnici o estranei al contenuto dei quesiti, è una sconfitta per tutti. E non possono cantare vittoria nemmeno i “piccoli” che festeggiano per il mancato attechimento del bipartitismo per via referendaria. La legge elettorale resta pessima e andrà cambiata. Ma si parla di modifiche anche per lo stesso strumento referen- dario. Ci racconta Marco Fattorini. Read more

Ai ballottaggi bene il centrosinistra. Dopo due turni avanza il centrodestra. Quadro

giugno 23, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

I ballottaggi delle provinciali finiscono 14 a 8 per Pd e alleati, ma in totale Pdl e Lega ribaltano la situazione in 25 province. Comuni capoluogo, 11 su 16 al centrosinistra. Ma il computo totale passa da 30 a 4 per l’opposizione a 16 a 14. Reazioni contrastanti di Berlusconi e Franceschini, che rivendicano entrambi una vittoria. E, per una volta, sembrano avere ragione tutti e due, alla luce di questa situazione complessa che vede un avanzamento complessivo della maggioranza, ma un secondo turno più favorevole del primo al centrosinistra, ad indicare che qualcosa, rispetto a quindici giorni fa, è cambiato. Il punto. Read more

A Milano vince Podestà, rimonta di Penati Bologna e Firenze al centrosinistra

giugno 22, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

La sfida-chiave si chiude sul filo: la spunta il candidato del centrodestra, che strappa così la provincia del capoluogo lombardo all’opposizione. Renzi e Delbono mantengono le due roccaforti. A Torino vince Saitta (centrosinistra), a Venezia il centrodestra. Bari e Padova, conferma Emiliano e Zanonato.
Amministrative, Il punto alle 19.30 di A. IEVOLELLA

Read more

Referendum, ancora un no al quorum. Il punto sui ballottaggi alle 19.30

giugno 22, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

di Attilio IEVOLELLA

Tradizione rispettata. Che piaccia o meno. Il referendum ‘tira’ pochissimo, praticamente nulla, rispetto ad appuntamenti elettorali più ‘colorati’ politicamente. Ultimi esempi, in ordine di tempo, le Europee prima e le Amministrative poi.

REFERENDUM SENZA QUORUM - E la giornata odierna ha semplicemente ribadito questo dato di fatto: i cittadini si sono mossi con maggior convinzione per i ballottaggi (di Comuni e Province), molto minore l’interesse per i tre quesiti referendari. Di conseguenza, come avviene spessissimo, referendum ‘non valido’. Alla chiusura delle urne, quest’oggi, alle 15, l’affluenza si ipotizzava potesse superare di poco il 20 per cento, lontano anni luce dalla fatidica soglia del 50,1 per cento necessario per considerare valido il referendum. Previsione ampiamente rispettata: affluenza attestatasi attorno al 23 per cento. Tradotto in soldoni, è andato a votare – per i referendum, giusto sottolinearlo – solo un italiano su cinque.

Bocciati – per ‘scarso interesse’, potremmo dire -, quindi, i tre quesiti referendari proposti, ovvero i primi due che, se approvati dai cittadini, avrebbero modificato la legge elettorale, prevedendo l’assegnazione del premio di maggioranza, sia alla Camera che al Senato, al partito più forte in assoluto – e non più alla coalizione più forte, come prevede la norma oggi -, e il terzo che, sempre e solo col parere positivo degli elettori, avrebbe bloccato la possibilità per i candidati alla Camera di presentarsi in più circoscrizioni.

Resta la curiosità di guardare il risultato, per quanto poco, anzi nulla, rilevante. Anche perché il dato in sé sembra una sorta di messaggio in codice: per il referendum la scelta è tra il ‘sì’ (o il ‘no’, a seconda della posizione proposta dai promotori) e il ‘non voto’.
In questa occasione, la raccolta di firme e la campagna referendaria era stata finalizzata a un ‘sì’ netto. Difatti, la stragrande maggioranza dei pochi italiani recatisi a votare per i referendum hanno optato per il ‘sì’: quasi l’80 per cento per i primi due quesiti e quasi il 90 per cento per il terzo.

AMMINISTRATIVE - Più attenzione – ma senza picchi clamorosi – per i ballottaggi di Province e Comuni. Giusto per rimanere in tema, rispetto al referendum, la percentuale dei votanti – dati del ministero degli Interni alla mano – si è attestata al 45 per cento per le Provinciali (contro il precedente 69 per cento) e al 61 per cento per le Comunali (contro il precedente 76 per cento).

Ad avere grosso valore, in questo caso, è anche, anzi soprattutto, il dato politico, ovvero l’ulteriore verifica sui rapporti di forza tra maggioranza e opposizione, tra centrodestra e centrosinistra.
I dati, ovviamente, sono ancora parziali. Tuttavia, uno sguardo può essere assai utile, sempre utilizzando l’osservatorio del ministero degli Interni.

Partiamo dalle Province.
Alessandria: con quasi metà sezioni scrutinate, il centrosinistra si tiene attorno al 51,5 per cento, contro il 48,4 per cento del centrodestra.
Arezzo: la situazione pare già delineata. Oltre la metà delle sezioni scrutinate, centrosinistra al 61,7 per cento, centrodestra al 38,2 per cento.
Ascoli Piceno: scrutinato solo un quarto delle sezioni complessive e situazione in equilibrio: centrodestra appena sopra il 50 per cento, centrosinistra appena sotto il 50 per cento.
Belluno: scrutinato oltre un terzo delle sezioni, centrodestra con un buon vantaggio (quasi 55 per cento), centrosinistra fermo al 45 per cento.
Brindisi: quasi metà sezioni scrutinate, centrosinistra al 53,7 per cento.
Cosenza: tantissime sezioni ancora da scrutinare, risultato ancora poco indicativo, il centrosinistra comunque è in vantaggio, con un buon 60 per cento, contro il 40 per cento del centrodestra.
Crotone: scrutinio ancora poco attendibile, centrosinistra quasi al 55 per cento, centrodestra a rincorrere partendo dal 45 per cento.
Fermo: poche sezioni scrutinate, centrosinistra in vantaggio col 51 per cento.
Ferrara: oltre metà sezioni scrutinate, il centrosinistra si erge quasi fino al 60 per cento.
Frosinone: scrutinato un decimo delle sezioni, centrosinistra al 50,1 per cento.
Grosseto: scrutinio a metà dell’opera, centrosinistra oltre il 55 per cento.
Lecce: scrutinato un decimo delle sezioni, centrodestra al 52,5 per cento.
Milano: scrutinato un terzo delle sezioni, grande equilibrio, con il centrodestra in vantaggio con il 50,4 per cento.
Parma: scrutinato, anche in questo caso, un terzo delle sezioni, centrosinistra in vantaggio con un buon 57 per cento.
Prato: risultato ancora da prendere con le molle, però il centrosinistra è in vantaggio con il 54,6 per cento.
Rieti: scrutinato un quarto delle sezioni, centrosinistra al 51 per cento.
Rimini: ancora lungo il cammino dello scrutinio, il centrosinistra è partito di slancio, con il 56,8 per cento.
Rovigo: scrutinati due terzi delle sezioni, centrodestra in vantaggio con il 50,1 per cento.
Savona: completato il giro di boa delle sezioni scrutinate, centrodestra quasi al 58 per cento.
Taranto: scrutinato un quinto delle sezioni, centrodestra al 50,1 per cento.
Torino: scrutinata la metà delle sezioni, centrosinistra in vantaggio col 58 per cento.
Venezia: scrutinata quasi la metà delle sezioni, il centrodestra arriva a sfiorare il 54 per cento.

E ora le Comunali, prendendo in esame i Comuni più rilevanti.
Ancona: scrutinio oramai attendibile, il centrosinistra arriva al 57,1 per cento.
Ascoli Piceno: scrutinato un quinto delle sezioni, centrosinistra al 51,8 per cento.
Avellino: pochissime sezioni scrutinate, centrosinistra al 62,5 per cento.
Bologna: scrutinato oltre un terzo delle sezioni, centrosinistra al 60,7 per cento.
Cremona: scrutinio delle sezioni al giro di boa, centrodestra al 52,6 per cento.
Ferrara: scrutinato un terzo delle sezioni, centrosinistra al 58,3 per cento.
Firenze: scrutinati quasi i due terzi delle sezioni, risultato indicativo, centrosinistra che sfiora il 60 per cento.
Foggia: ancora poco indicativo lo scrutinio,
Forlì-Cesena: superata la metà delle sezioni scrutinate, il centrosinistra al 55,1 per cento.
Padova: anche qui superata la metà delle sezioni scrutinate, centrosinistra che sfiora il 52 per cento.
Potenza: scrutinato un terzo delle sezioni, centrosinistra al 57,7 per cento.
Prato: ancora molto lavoro da fare nello scrutinio, centrosinistra al 52,3 per cento.
Terni: scrutinata quasi la metà delle sezioni, centrosinistra al 54,1 per cento.

Lo scrutinio prosegue. E l’attenzione è puntata sulle realtà più importanti. Resta da seguire, però, anche l’andamento nei Comuni più piccoli.

Attilio Ievolella

Intervento. Il silenzio sull’Iran! Ora l’Italia deve reagire di F. Laratta

giugno 22, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Appello del deputato del Partito De- mocratico affinchè il nostro Paese faccia sentire ufficialmente e istituzionalmente la propria voce su quanto sta accadendo nella Repubblica islamica. Sentiamo. Read more

Iran, ecco la diretta scritta de il Politico.it Per le strade il corteo funebre per Neda

giugno 22, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Racconto in tempo reale a cura della nostra esperta di Medioriente Désirée Rosadi. Vietati i funerali pubblici, ma la gente è scesa comunque in piazza per ricordare la ragazza di 16 anni rimasta uccisa negli scontri di ieri. Read more

Iran, continua la rivoluzione democratica Guardiani: ‘Qualche irregolarità nel voto’

giugno 22, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Grande aggiornamento sulla situazione a Teheran della nostra Désirée Rosadi. Il giornale della politica italiana tiene aperta la sua finestra sulla rivolta ira- niana in queste ore fondamentali per la democrazia (o no) della Repubblica islamica. Il Consiglio ammette errori nelle operazioni di conteggio, anche se non tali da modificare l’esito delle elezioni. Frattini: “L’Iran dica se viene al G8″. Il racconto Read more

***L’intervento***
ANTIMAFIA, NON SI TOCCHI IL DDL LAZZATI
di FRANCO LARATTA*

giugno 21, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Il deputato del Partito Democratico, membro della Commissione nazionale Antimafia, lancia un appello-richiamo affinchè il Parlamento non modifichi la proposta di legge giacente da 15 anni a Montecitorio e finalmente incardinata, che prevede, tra l’altro, la “decadenza degli eletti con voti organizzati delle associazioni criminali”. Lo fa dalle colonne del giornale della politica italiana, il “suo” giornale. Sentiamo. Read more

Referendum, alle 12 l’affluenza è scarsa In netto calo anche per le amministrative

giugno 21, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Aggiornamento sull’afflusso di elettori alle urne in una tornata nella quale - per ciò che riguarda i quesiti sulla legge elettorale - il dato finale sull’affluenza sarà decisivo per stabilire se i voti che verranno contati varranno per sancire o meno ciò che il referendum chiede. Ebbene, al primo rilevamento il quorum, come da previsioni, sembra essere lontano: circa 4% contro il 4,6% del 2005 quando si rispondeva ai quesiti sulla procreazione assistita che alla fine racimolarono solo il 25,7% di votanti. In diminuzione (come previsto) anche i dati di provincia- li e comunali, un elemento che potrebbe incidere, a sua volta, sull’esito dei ballottaggi. Domani sapre- mo. Intanto, ecco il punto sull’affluenza. Read more

La grande sfida per la Provincia di Milano Penati vs Podestà, la partita che decide

giugno 21, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Se vince il centrosinistra i giochi si riaprono. Se vince il centrodestra sarà dominio sul Nord e su Milano. Nelle ore in cui la partita comincia, come nella tradizione delle grandi sfide sportive, il giornale della politica italiana entra nel cuore del confronto, raccontandovi le ultime ore di campagna elettorale, l’umore dei due contendenti, le scelte dei partiti. Un grande servizio per dare il là al match. La firma è di Gabriele Canarini. Buona lettura. Read more

Gli antipartitocratici di G. Innocenzi No (tuoi) comment

giugno 20, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Un’altra grande giornata trascorsa con il giornale della politica italiana. Siete sempre di più. E cerchiamo di darvi il meglio. Chiudiamo in questo modo con il diario (qui sotto allegato) e con il nuovo pezzo di Giulia nella sua bella rubrica. Obiettivo di oggi, la tendenza tutta (politica) italiana a non accettare le critiche, inveendo contro i contestatori. Lo ha fatto da ultimo il presidente Berlusconi, ieri, con un gruppo definito “comunista (povero)”, ma il discorso vale per tutti. E c’è quindi l’occasione per fare un confronto con un Paese molto amato da Giulia: l’Inghilterra. Con i suoi leader e – anche – i suoi programmi televisivi… Sentiamo.
Diario politico. Bari, nuove rivelazioni di F. RIETI Read more

Diario politico. Nuove rivelazioni sulle feste nelle residenze del premier. Scontro Rutelli-Formigoni

giugno 20, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

di Fabiola RIETI

In questo sabato di giugno continua a tenere banco l’inchiesta che lambisce il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Alcuni giornali hanno scritto di dichiarazioni rilasciate da un’altra giovane donna ai magistrati pugliesi, in cui raccontava di essere stata invitata a partecipare a feste nelle residenze private del premier.
Barbara Montereale avrebbe partecipato alle feste nelle residenze private del Cavaliere dietro un lauto compenso e avrebbe confermato anche la presenza dell’amica Patrizia D’Addario. La giovane rivela ai magistrati anche alcune confidenze della D’Addario che le avrebbe raccontato di aver trascorso una notte con il premier.
Intanto, Patrizia D’Addario nei giorni scorsi avrebbe consegnato alla Procura video, foto e registrazioni delle sue visite a Berlusconi.
La reazione a queste ultime rivelazioni è stata repentina sia da parte dell’opposizione sia della maggioranza.
Gaetano Pecorella, avvocato del premier, non smentisce e si limita ad affermare che “la vicenda non coinvolgerebbe minimamente a livello penale Silvio Berlusconi” perché “si tratta di fatti privati” e sottolinea che, se anche il clamore suscitato portasse alla caduta del Governo “sarebbe la fine del Pdl e se c’è qualcuno che pensa di sostituirlo si sbaglia”.
“Non c’è assolutamente niente da chiarire. E’ tutto chiarissimo. E’ tutta spazzatura – si è difeso ieri il premier da Bruxelles, in occasione del Consiglio Ue – A Napoli già l’ho fatta fuori e farò fuori anche questa. E’ inutile che speriate di buttare giù questo governo, questa maggioranza, di mandare a casa tutti noi con le trame giudiziarie e con gli attacchi mediatici”.
Il Comitato parlamentare per la Sicurezza della Repubblica (Copasir) ha deciso di approfondire il tema della sicurezza di Silvio Berlusconi in tre audizioni in programma la prossima settimana.
Martedì saranno ascoltati il generale Giorgio Piccirillo, direttore dell’Agenzia per la Sicurezza Interna, e l’ammiraglio Bruno Branciforte, direttore dell’Agenzia per la Sicurezza Esterna, mentre giovedì sarà la volta del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta.
Il tentativo sarà quello di fare chiarezza sull’articolato dispositivo di sicurezza organizzato dagli apparati di intelligence intorno al premier e verificarne la idoneità, tutto al fine di identificare eventuali “talpe”, visto che le fotografie scattate da Antonello Zappadu in Sardegna sono state fatte in aree sottoposte a restrizioni d’accesso ai fini di prevenzione, le conversazioni telefoniche del presidente del Consiglio sono su linee che dovrebbero rimanere assolutamente riservate, come anche la segretezza sui dettagli dei transiti per gli aeroporti sugli spostamenti del premier.

Rutelli-Formigoni. E il presidente del Copasir, Francesco Rutelli e il governatore della Lombardia Roberto Formigoni si lasciano andare ad un vivace botta e risposta, che trae spunto proprio dalle vicende che hanno coinvolto il premier.
L’esponente del Pd sostiene che “chi oggi legge i giornali vede proporre situazioni familiari abbastanza particolari. E non vorrei che da una parte ci fosse la retorica Dio, patria, famiglia e dall’altra invece quello che stiamo vedendo in questi giorni”.
Interviene Formigoni notando quella che a suo modo di vedere è una caduta di stile, motivata dalla povertà di argomenti dell’opposizione, ma l’acceso botta e risposta prosegue. “Chi è caduto in basso lo decideranno gli italiani. Dottor Formigoni ti pare conciliabile una politica della famiglia con quanto sta succedendo?”, risponde Rutelli a cui replica nuovamente Formigoni: “Mi spiace perché ti pensavo migliore”.
Rutelli spiega poi di aver fatto “una battuta e Formigoni ha reagito male e non capisco perché. Ma c’è effettivamente una distanza tra la retorica della famiglia e certe constatazioni quotidiane”. E poi aggiunge: “Io non do giudizi né ne darò. Ho una responsabilità istituzionale che mi spinge ad una posizione di massimo equilibrio”, conclude.

Il nuovo libro di Veltroni. Torna alla ribalta l’ex segretario del Pd, che racconta il suo nuovo libro “Noi”.
Dopo il successo ottenuto con le 70.000 copie vendute di “Senza Patricio” e il più empatico “La scoperta dell’alba” che è stato addirittura tradotto in sette lingue e vanta 300.000 copie vendute, uscirà a fine agosto l’ultima fatica sempre edita Rizzoli.
Il libro è molto più lungo rispetto ai precedenti, ma è stato scritto d’impulso nei mesi successivi alle dimissioni dalla segreteria del Partito democratico.
“Ero nelle condizioni ideali per scrivere – spiega Veltroni – e non solo perché finalmente avevo il tempo e il respiro necessari. Era il mio stato d’animo, a metà tra la malinconia e la serenità, a darmi la cifra psicologica giusta. Per questo penso che questo romanzo sia la cosa più bella che abbia mai scritto in vita mia”.
La trama non è nota, ma il romanzo sarà diviso in quattro capitoli, ambientati in quattro anni diversi e ognuno ha per protagonista un ragazzino tra gli undici e i sedici anni.
Il primo capitolo è ambientato nel 1943, all’epoca del bombardamento di San Lorenzo, il 25 luglio, l’8 settembre, la deportazione degli ebrei dal ghetto di Roma. Il secondo nel 1963, ovvero l’anno del primo centrosinistra, della morte di papa Giovanni, dell’assassinio di John Kennedy. Il terzo, nel 1980 con la strage di Bologna, Ustica, l’assassino di Walter Tobagi, lo scandalo del calcio commesse, la marcia dei quarantamila a Torino, il terremoto dell’Irpinia, l’elezione di Reagan e la morte di Lennon. Il quarto, nel futuro, e precisamente nel 2025: “Ho scelto un futuro prossimo, non da fantascienza. Né il 1984 orwelliano, né il 1997 di «Fuga da New York». Non il futuro catastrofista pensato talora a sinistra, ma neppure quello asettico caro a un pensiero acritico, per cui le cose non hanno significato in sé, basta che accadano. Ho cercato di immaginare come sarà l’Italia tra sedici anni”.
La scelta del futuro però non contiene però elementi del presente: “Ho scelto così, sia per evitare il sospetto che volessi parlare furbescamente del nostro tempo, sia perché il nostro tempo non mi piace. È’ un tempo che dura appena ventiquattr’ore. La politica è concentrata sulle dichiarazioni di un giorno per l’altro. La società è bulimica e nevrotica, brucia tutto così in fretta che il mese scorso ci pare lontano mille miliardi di anni”.
Veltroni racconta ancora alcuni spunti del suo libro. “La storia fa da scenario. E’ la storia a influenzare le vite dei protagonisti, non il contrario. “Noi” non è un romanzo politico, non in senso stretto. Ma per me ha un forte significato etico. Ci sono i miei valori, le mie emozioni. E tanti personaggi, ognuno con i suoi dubbi, la sua storia. Scriverlo è stata un’esperienza molto bella. Ora che l’ho finito, è come se mi mancasse”.
Il titolo “Noi” indica il bisogno di “ricostruire il senso di una missione collettiva. La vita non è mai una questione individuale: senza gli altri, senza le dimensione comunitaria, qualsiasi esistenza si sfarina. Insieme all’io, ci siamo noi. Così come dobbiamo ricostruire il senso della memoria. Per questo ho scritto un romanzo sulla grande storia nazionale, sull’identità di un Paese addolorato, sfortunato, e però straordinario, che vorrei ritrovare”.
Ecco perché è nata l’idea o forse l’esigenza di “saltare il presente e gettare uno sguardo sul futuro. Perché tra il terzo e il quarto capitolo passano quasi cinquant’anni. Certo, c’è qualcosa e qualcuno che lega tra loro i quattro ragazzini, le quattro epoche storiche, le quattro Italie. Ma lo scoprirete solo leggendo il libro…”.

Fabiola Rieti

Ritratto del personaggio della settimana LE “SCOSSE” DI D’ALEMA di Luca Lena

giugno 20, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Inauguriamo questo sabato pomeriggio pre-elettorale questa nuova rubrica settimanale, dedicata al protagonista della settegiorni di politica italiana. La firma è del nostro vicedirettore. La scelta di Luca Lena di questa settimana è caduta sul presidente della Fondazione Italianieuropei, tornato a farsi sentire con le sue anticipazioni-previsioni sulle possibili “scosse” al Governo. Un pezzo bellissimo, da parte di uno dei nostri nomi migliori, da non perdere. E, insieme, comincia la sua collaborazione con il Politico.it Pep Marchegiani, illustratore politico di grande abilità: l’immagine che ritrae D’Alema, in esclusiva per il nostro giornale, è sua. Buona lettura. Read more

Su Khamenei e la stagione conservatrice Chi comanda (e come) davvero in Iran

giugno 20, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Il giornale della politica italiana si caratterizza anche per il suo sguardo attento al Medioriente e al mondo arabo. il Politico.it ha continuato a raccontarvi ciò che succedeva al di là del Mediterraneo. La conoscenza dei temi e l’autorevolezza del giornale della politica italiana ci consentono di offrirvi un’informazione unica nel panorama nazionale in questo momento così importante per la Repubblica islamica. Ecco uno speciale da non perdere per farsi un’idea più chiara su quali siano i reali rapporti di potere della anomala democrazia iraniana. Il pezzo, come sempre, di Désirée Rosadi. Sentiamo. Read more

Diario politico. Tuttoberlusconi tra caso-D’Addario, intervento Fini e battaglia-Ppe

giugno 19, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

La nota politica quotidiana de il Politico.it. La più autorevole, esauriente, approfondita. Racconto straordinario delle vicende odierne del presidente del Consiglio tra presunti scandali, dichiarazioni di Fini e battaglia in seno al Ppe per fare passare la candidatura di Mario Mauro a presidente del Parlamento europeo. La firma è di Carmine Finelli. Per chi vuol vivere o rivivere la giornata della politica italiana. Un grande strumento di informazione e anche di lavoro. Da non perdere. Solo su il Politico.it. Read more

Ballottaggi, ultimissime da tutte le sfide Padova, la battaglia tra Zanonato e Marin

giugno 19, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Spettacolare panoramica (nel dettaglio) del giornale della politica italiana sul secondo turno delle amministrative, per il quale si terranno stasera gli ultimi comizi prima del silenzio e dell’apertura delle urne domenica e lunedì. Coinvolti 22 province e 106 comuni maggiori, di cui 16 capoluoghi. A Ferrara, Ascoli, Brindisi e Prato si vota sia per la scelta del sindaco sia per la presidenza della provincia. Milano (su cui torneremo con uno speciale tra stasera e domani), Torino, Firenze, Bologna le sfide più attese, ma non mancano quelle di enorme valore simbolico come Bari e il capoluogo veneto. Il ruolo dell’Udc. Un grande servizio, di Ginevra Baffigo. Read more

L’analisi. Chi gongola per le sventure di Berlusconi di G. Gallo

giugno 19, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Il Corsera ha Massimo Franco, succeduto a Stefano Folli (per mol- ti, il numero uno) oggi al Sole24- Ore. Repubblica – col suo taglio “speciale” – punta su Massimo Giannini. Il giornale della politica italiana si affida a Giuseppe Gallo, che tira le fila del dibattito che si svolge ogni giorno su il Politico.it ricostruendo il “senso” del momento della vicenda politica interna. Sono giorni delicati per la politica italiana. Il presidente del Consiglio è sottoposto al fuoco di fila delle rivelazioni e delle inchieste che lo lambiscono portando alla luce aspetti più o meno discutibili della sua vita privata. E’ di oggi il richiamo di “Avvenire”, il quotidiano dei vescovi, ad un “chiarimento” nei confronti dell’opinione pubblica. Quale che sia il giudizio che si dà della vicenda – e il giornale della politica italiana, per sua natura neutrale, non lo dà - risulta evidente che si tratta di un passaggio delicato che potrebbe avere conseguenze sulla stessa premiership di Berlusconi. In questo commento Gallo affronta il tema-”complotto” cercando di capire chi potrebbe avere interesse, e come, ad una fine anticipata dell’attuale guida del Governo. Sentiamo. Read more

Diario politico. S’allarga l’inchiesta a Bari Berlusconi a Bruxelles spinge per Mauro

giugno 19, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

La nota politica quotidiana de il Politico.it. La prima firma è Gabriele Canarini. La Procura starebbe ascoltando altre tre ragazze, e Patrizia D’Addario, l’accusatrice del premier, avrebbe fornito le prove dei suoi passaggi a Palazzo Grazioli. Cerchiamo di chiarire di cosa si tratta e facciamo il punto. Tg1 e Tg5, intanto, (non) raccontano la vicenda a modo loro: scopriamo come. Al consiglio europeo il presidente del Consiglio ribadisce la richiesta italiana per la presidenza dell’Europarlamento, per la quale l’esponente Pdl se la vede con il candidato polacco Busek. Infine, l’aggiornamento quotidiano sul referendum. E nella rubrica Politica l’esclusiva scheda di Marianna Madia per capire meglio e orientarsi. Il racconto di giovedì. Read more

Pd, l’ntervista a Pippo Civati: “Un nostro candidato? Non lo escludo”

giugno 18, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Seconda puntata del viaggio de il Politico.it tra i cosiddetti “piombini”, la componente giovane dei Democratici che punta a sostituire l’attuale dirigenza per promuovere un cambiamento radicale. Giuseppe Civati, consigliere regionale lombardo, filosofo, autore di libri – è in uscita il suo ultimo “Nostalgia del futuro” - torna sul tema della corsa alla segreteria aprendo alla possibilità di una candidatura “terza” rispetto a quelle di Franceschini e Bersani, che sia espressione dell’alternativa: “La nostra base è arrabbiata perchè a febbraio non siamo riusciti a proporre un nome – dice – non faremo una seconda volta lo stesso errore”. Lo ha sentito Carmine Finelli. Read more

Gli antipartitocratici di G. Innocenzi Obama/Berlusconi: r/in voluzione

giugno 18, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Nuovo, grande post della giovane esponente Radicale che mette a “confronto” i primi mesi di presidenza americana con il primo anno di Governo da noi. Spunto ironico come prima di Guzzanti ora di Giulia in un confronto a distanza tra critica incrociata dai due schieramenti. Nella piena espressione del pluralismo e della libertà del giornale della politica italiana. Come sempre, nel caso della nostra giovane editorialista, da non perdere. Sentiamo. Read more

Torna duello tra Walter il Peluche e Massimo il Gormito P. Guzzanti

giugno 18, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Congresso del Partito Democrati- co. Veltroni ridiscende in campo e sostiene Franceschini. D’Alema con Bersani a meno che l’”emergenza” non richieda un suo ritorno (e dopo avere tentato di mettersi d’accordo con l’attuale segretario). La grande firma de “il Giornale e di “Panorama” traccia uno splendido (ironico) ritratto dei due contendenti, assolutamente da non perdere. Buona lettura. Read more

“Cronaca di una caduta”, la mise en espace di Tamara Bartolini

giugno 18, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

Federico Betta ci racconta questo spettacolo andato in scena al Teatro Sala 1 a Roma. “Cronaca di una caduta è un reading di parole che invadono la sala e musiche che riempiono l’aria, è la trama di un rapporto d’amicizia e lo svolgersi di relazioni, intrecciate per caso e per amore. Teatro e musica come racconto e poesia, suoni e parole come pubblico e privato, come mio e tuo, come organizzato e imprevedibile, come ora e sempre”. Dall’attrice e autrice romana. Buona lettura. Read more

Diario politico. L’inchiesta e i sospetti Berlusconi: “Non mi farò condizionare”

giugno 17, 2009 by Redazione · Commenti disabilitati 

La nota politica quotidiana de il Politico.it. La firma, stasera, è di Laura Liucci. E’ stato il “Corriere della Sera”, stamani, ad uscire con la notizia di indagini su un presunto giro di mazzette per appalti nella sanità pubblica dal quale sarebbe emerso che alcune ragazze sarebbero state pagate per passare alcune ore nelle residenze del premier, a Roma e in Sardegna. La testimonianza di una candidata Pdl alle comunali di Bari, Patrizia D’Addario (nella foto, con Berlusconi): “Sono stata messa in lista per avere partecipato a due feste a palazzo Grazioli”. Il Pdl attacca D’Alema – che aveva parlato, proprio dalla Puglia, di possibili ”scosse” al Governo - e fa quadrato intorno al Cavaliere. Ghedini: “Non c’è comunque nulla di illegale a carico del presidente del Consiglio: sarebbe un utilizzatore finale”. Poi il caso del saluto romano del ministro Brambilla e l’aggiornamento quotidiano sul referendum. Il racconto. Read more

Pagina successiva »

Bottom