Top

Il blog. “Annozero” e la telefonata di Berlusconi di Paolo Guzzanti

maggio 8, 2009 di Redazione 

Nuovo contributo dell’ex vicediret- tore del “Giornale”. ”Ieri – scrive Guzzanti - sorpresa, mi telefona Silvio Berlusconi e abbiamo un colloquio molto brusco, almeno da parte mia, con l’impegno di un incontro a breve su sua richiesta. Vi terrò informati”. Sentiamo.

Nella foto, Paolo Guzzanti

-

di PAOLO GUZZANTI

Non credevo ai miei occhi, vedendo per la prima volta la trasmissione Annozero. Un gran frittomisto di aggressioni e divagazioni, incapace di tenere la barra sul punto. E mi è sembrato che l’unica persona con la testa sulle spalle e la parola direttamente collegata col cervello fosse Emma Bonino.
Comunque, dopo aver bestemmiato per la scortesia ho inviato a Santoro un SMS: “Ma dico io: una semplice telefonata per dire che l’intervista era stata censurata e che potevo anche andare con mia moglie al cinema, no, eh?”.
Poco dopo Santoro ha risposto: “Ho provato fino all’ultimo. Scusami. Ma andrà. Michele”.
Intanto ieri mi ha telefonato Berlusconi, che non sentivo da due anni, con cui ho avuto una telefonata molto burrascosa e da parte mia fermissima e ai limiti della scortesia. Mi ha chiesto di incontrarlo per spiegargli i motivi della mia rottura (benché gli siano ovviamente ben noti) e gli ho risposto che volentieri lo farò.
Dunque prevedo la prossima settimana di andargli a dire quel che penso del suo tradimento (gli ho già detto che lo considero un traditore) della Commissione Mitrokhin, delle idee liberali, del sistema di selezione del personale politico che ho chiamato mignottocrazia e tutto il resto.
Gli ho anche detto che per due mesi, prima della rottura, avevo tentato vanamente di farmi ricevere da lui per dirgli a quattr’occhi ciò che poi avrei scritto. Ha detto che nessuno lo ha avvertito.
Gli ho risposto che Bondi per due mesi mi ha portato in giro offrendosi come mediatore (di cui non avevo alcun bisogno) per non fare in realtà assolutamente niente.
Gli ho detto che Bondi non è una persona leale e neanche perbene come credevo.
Vi terrò informati del prossimo round.

PAOLO GUZZANTI

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom