Top

Al via la campagna nazionale contro il razzismo: “Non dobbiamo avere paura”

marzo 19, 2009 di Redazione 

La sensibilità sociale di questo giornale è incarnata in particolare da quell’Andrea Onori che ieri è stato alla presentazione di questa iniziativa “patrocinata” dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati e che riunisce ben 26 sigle di tipo diverso, che oggi ci racconta. E’ stata l’occasione per un confronto tra voci autorevoli sul tema-razzismo, per capire. Sentiamo.

Nella foto, un’immagine dello spot girato da Mimmo Calopresti

-

di Andrea ONORI

Ben 27 organizzazioni di diverso tipo hanno partecipato, ieri, alla presentazione alla stampa di una campagna nazionale inedita contro il razzismo, l’indifferenza e la paura dell’altro al teatro Ambra Jovinelli di Roma. C’erano moltissime persone, un aria festosa, tra sorrisi, canti e momenti di serietà. Bambini con le loro mamme, studenti accompagnati dalle loro maestre, singole persone e rappresentanti delle varie organizzazioni promotrici come la Cgil, Cisl, Uil, Arci, Amnesty International, Save the Children, Caritas italiana, Comunità di Sant’Egidio, Unhcr e molte altre, si sono avvicinati tutti timidamente alle poltrone sperando di ricevere qualcosa di forte e duraturo. Salvatore Marino, l’attore che ha girato lo spot della campagna, ai cronisti, salendo le scale del teatro diceva che sperava in questa campagna “per sensibilizzare l’opinione pubblica contro l’ondata di razzismo”. All’entrata del teatro veniva distribuito un fantasmino giallo, lo spauracchio, come spiega Samuel Cirpaciu (Sami) un bambino Rom di 11 anni, che lo ha disegnato dopo aver visto il suo campo bruciare: “Il fantasmino è nato quando ci hanno trasferito nella tenda e rappresenta la paura. Io ho fatto lo spauracchio che rappresenta i nazisti” dice Sami. Ora è il simbolo della prima campagna sociale contro il razzismo, la paura del diverso e i pregiudizi che è riuscita a compattare la società civile del nostro Paese, mettendo insieme uno schieramento inedito per ampiezza e pluralità.La presentazione è stata condotta dalla bravissima Valentina Foriero e la parola è andata da subito alla portavoce dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) Laura Boldrini, che ha raccontato come la giornata del 18 marzo è stata scelta per legarla il più possibile al 21 marzo e alla Giornata mondiale contro il razzismo. Tante organizzazioni di natura diversa si sono ritrovate perché hanno condiviso un’analisi ben precisa: “Oggi la politica ha coniugato sicurezza ed immigrazione” e oltretutto “i media non hanno dato il loro buon esempio” indicando nell’immigrato un capro espiatorio, dando spazio sempre più alla cronaca nera che ha generato preoccupazione e paura.

L’obiettivo della campagna, afferma Laura Boldrini, è “promuovere la conoscenza reciproca e il dialogo. Noi non ci conosciamo e non conosciamo le diversità. Bisogna uscire dai pregiudizi e stereotipi che spesso determinano paure ingiustificate e sono alla base di deprecabili episodi di intolleranza e razzismo”.
Un altro obiettivo, secondo le associazioni promotrici è non disperdere le adesioni. Così è stato redatto un manifesto nel quale sono enunciati i principi costituzionali e la Dichiarazione dei diritti dell’uomo. La campagna “chiede” a tutti noi di partecipare attivamente sottoscrivendo questo manifesto ed esponendo il fantasmino disegnato da Sami sull’abito, sulla borsa o in qualsiasi altro luogo. Le firme raccolte saranno consegnate al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano il 20 giugno 2009 in occasione della Giornata mondiale del rifugiato. A chi ricopre incarichi pubblici ed ai politici soprattutto, verrà chiesto di sottoscrivere una carta di intenti, un impegno esplicito ad adoperarsi, nella loro attività, per “spezzare il corto circuito creato da paura, razzismo e xenofobia, evitando di creare allarmi ingiustificati e di far ricorso a pericolose generalizzazioni”.
I giornalisti invece dovrebbero rispettare di più la carta di Roma ovvero “il Protocollo deontologico riguardante i richiedenti asilo, rifugiati, vittime della tratta e migranti” dice la Baldrini. Nella Carta è esplicitamente indicato di osservare il “rispetto della verità sostanziale dei fatti osservati”, “adottare termini giuridicamente appropriati”,”evitare la diffusione di informazioni imprecise, sommarie o distorte” e “comportamenti superficiali e non corretti, che possano suscitare allarmi ingiustificati”.

Gli strumenti di comunicazione utilizzati per questa campagna dunque saranno molti: dal fantasmino giallo all’adesivo, alle spallette, la raccolta firme, il sito web (www.nonaverpaura.org) ed anche spot televisivi e radiofonici.
Lo spot è stato realizzato dal regista Mimmo Calopresti è presentato anch’esso oggi al teatro Jovinelli. Interpreati Francesca Reggiani, Lello Arena, Salvatore Marino, Cumbo Sall ed il piccolo Sami. La Rai ha dato la sua disponibilità a proporre gratuitamente lo spot che dura appena 60 secondi ma è ricco di significati.
Racconta la follia del razzismo facendo leva sull’ironia: sulla scena si rimbalzano le colpe più disparate prima al meridionale (Lello Arena), poi all’arabo (Salvatore Marino), in seguito all’africana (Cumbo Sall) ed infine allo zingaro (Sami) che esce liberandosi da una rete di corde mentre una voce fuori campo dice: “Non aver paura, apriti agli altri, apri ai diritti”.

La giornata è proseguita tra canti e musiche, testimonianze, interventi degli attori e dei promotori. Mimmo Calopresti ha dichiarato di essersi sentito discriminato, da meridionale, in passato, quando dalla Calabria partì per Torino: “Il problema è che ognuno deve migliorare se stesso” secondo il regista.
Francesca Reggiani si è esibita in un monologo molto divertente, sui “Punti neri”, quelli che appaiono sul viso, “quando mangiamo schifezze, ma non si riesce proprio a calpestarli, anzi, raddoppiano” e, conclude, “Wanna Marchi non sconfiggerà l’Intifada”.
Salvatore Marino invece ha spiegato come “la soluzione è cercare di toglierci le paure avendo contatto e curiosità dell’altro”. L’attore ha poi criticato il progetto del Governo sulle classi differenziate: “Come fanno ad imparare l’italiano se vengono messi in disparte?”.
Lello Arena: “Bisogna esercitarci ad essere noi la minoranza e davvero capisci quanto stai male, il pregiudizio è la scorciatoia della nostra quotidianità”, ha detto. Cumbo Sall denuncia che le Forze dell’ordine spesso la trattengono per accertamenti sul suo stato di presunta immigrata, “ma io sono italiana”.

Attrverso un video ha voluto essere presente e dire la sua anche don Luigi Ciotti, che ha ribadito che il razzismo nasce dall’ignoranza, dalla superficialità ed è figlio dell’insicurezza. “Abbiamo un problema, non sappiamo scendere in campo e metterci in gioco”, e ancora, “a parole siamo un popolo accogliente ma di fatto li respingiamo”.
Moni Ovadia: “E’ il problema dell’umanità, ci è impedito di entrare nell’era della fratellanza”; “la paura si risolve stimolando la nostra parte dell’altruismo”.
Infine la testimonianza di Ribka che è in Italia da 20 anni e, dice, “Mi sento romana”. “Oggi tutto è cambiato, ma in peggio” sostiene. “Abbiamo una cicatrice sul passato, oggi molti giovani non sanno neanche dove sta l’Eritrea”.

A conclusione della giornata un suonatore rom ha fatto musica e hanno cantato le loro storie i bambini della scuola romana Iqbal Masih, famosa per le occupazioni in quell’ottobre caldo di lotte studentesche. Fece scalpore perché ad occupare l’istituto furono le mamme e le maestre dei bambini della scuola elementare. Oggi in tanti hanno partecipato, anche molti giovani e bambini.

Andrea Onori

Commenti

2 Responses to “Al via la campagna nazionale contro il razzismo: “Non dobbiamo avere paura””

  1. Laura Tussi on maggio 8th, 2009 19.03

    DALL’INTOLLERANZA AL RAZZISMO.
    Il dovere di ricordare

    di Laura Tussi

    L’intolleranza consiste nell’atteggiamento abituale di chi avversa le opinioni altrui, specialmente in materia politica e religiosa.
    È un atteggiamento improntato ad una rigida e risentita chiusura dogmatica nei confronti degli altri, che si manifesta dalle origini dell’uomo, con la sottomissione degli schiavi, le persecuzioni degli eretici, l’antisemitismo e con fatti di violenza verso i migranti e i non comunitari.
    L’intolleranza si manifesta anche contro i Sinti e i Rom perché gli abitanti delle nazioni che li ospitano si considerano appartenenti ad una patria costituita da una sola razza, poiché lo spirito nazionalistico li rende ostili a razze diverse.
    Attualmente l’intolleranza ha raggiunto livelli non più sopportabili a causa della convivenza tra popoli differenti ed è motivata da un’ignoranza diffusa rispetto alle persone che la società reputa diverse, perché la gente ha sempre paura dell’ignoto e di tutto ciò che è estraneo e sconosciuto.
    Un motivo che alimenta l’intolleranza è la mancanza di valori da parte delle persone che maltrattano i migranti e i non comunitari.
    Anche in politica è diffusa l’ostilità.
    Infatti, in modo frequente, in televisione, nei dibattiti e nei telegiornali si può assistere a discussioni molto animate tra uomini politici e anche queste sono forme di intolleranza.
    Sembra impossibile che dalle scoperte di Mendel, il mondo debba ancora essere turbato dal prolungato uso del concetto di razza, reso insostenibile dallo sviluppo della genetica moderna.

    La complessa opera di educazione e istruzione dello Stato popolare deve trovare il proprio coronamento nel riuscire a far diventare istintivo il sentimento di razza nel cuore e nel cervello della gioventù. Nessun fanciullo e nessuna fanciulla deve lasciare la scuola senza essersi reso conto fino in fondo dell’essenza della necessità della purezza del sangue.

    Queste parole di Adolfo Hitler nel Mein Kampf inducevano alle incredibili crudeltà dei campi di concentramento e di sterminio.
    La biologia moderna ha dimostrato che il concetto di razza e di sangue sono infondati.
    La genetica ha mostrato come non esiste una purezza di caratteri ereditari entro popolazioni umane. Nonostante questi fondamentali principi scientifici, si manifestano attualmente forme di razzismo nei confronti degli ebrei e di tutti i “meridionali” e i diversi del mondo.
    Il termine razzismo indica l’ideologia che distingue la razza umana divisa in razze superiori ed inferiori e che prevede la supremazia della razza forte su quella più debole.
    Attualmente e in passato, le vittime di questa ideologia razzista sono state la razza nera e quella ebrea.
    Il razzismo comporta pregiudizi, stereotipi mentali, presenti nella società, che se anche non necessariamente si esprimono in discriminazioni, possono essere sfruttati da movimenti politici radicali, che tentano di mobilitare in lotte assurde e incivili, in nome della supremazia del più forte sul più debole.
    In Germania avvengono ancora manifestazioni neonaziste, dove, da una parte, si distinguono i nostalgici, i veterani di guerra, e dall’altra stanno invece giovani estremisti per cui il nazismo è un elemento di aggregazione.
    Questi ultimi, detti naziskin, hanno bisogno dell’autorità di un capo che li guidi e abbia capacità di scelta e dia loro l’impressione di essere forti e non avere paura di niente.
    L’intolleranza è diffusa e radicata nella nostra società, come violenza morale e fisica manifestata contro le persone portatrici di una diversità, tra cui gli ebrei, gli immigrati, le persone di colore, gli omosessuali.
    L’intolleranza si manifesta in forma violenta e pericolosa.
    I naziskin si rifanno agli ideali nazisti di violenza e intolleranza contro una vasta gamma di tipologie di persone considerate inferiori e diverse.
    In Italia, oltre al problema naziskin, esiste il razzismo che rappresenta l’intolleranza per eccellenza. Cosa è possibile fare per escludere questo problema dalla società? Risulta necessario eliminare le discriminazioni anche all’interno di uno stesso popolo, per esempio in Italia, tra settentrionali e meridionali, perché prima di giudicare occorre conoscere.
    Il razzismo, che per anni è rimasto sotterraneo, tenuto a bada perché combattuto dai partiti di sinistra, dall’associazionismo cattolico, trova adesso legittimità, in un momento di crisi economica, politica e culturale, nei fenomeni di violenza di gruppo, nei gruppi di tifosi intolleranti, nelle ronde organizzate, che fomentano raduni per eliminare lo straniero, l’immigrato, il diverso.
    La crisi economica, morale e culturale che colpisce il nostro paese rischia di travolgere anche le ultime trincee della solidarietà e dell’aiuto reciproco, dove il vero problema è quella sorta di indifferenza e di silenzio che ottenebra le persone.
    Ciò che più meraviglia è che proprio l’Italia, un Paese risorto sulle ceneri del regime fascista, trova difficoltà a reagire al problema del razzismo e non riesce a trovare nella propria storia e nella sua memoria gli anticorpi per risolverlo.
    Stiamo perdendo la memoria storica e un popolo senza memoria non ha futuro.
    Cresce sempre il rischio che si diffondano maggiormente atteggiamenti razzisti come conseguenza dell’insicurezza generale che si vive con la crisi economica, morale e culturale.
    In un periodo di profonda incertezza politica, le paure vengono amplificate e cresce così la necessità di difesa.
    Tutti in un certo senso siamo razzisti, almeno implicitamente nei fatti, nel silenzio, nella debolezza delle reazioni, nella scarsa volontà di capire, nell’esibire striscioni razzisti allo stadio.
    Il paradosso di questo nostro Paese è che la parola solidarietà appare vuota e inutile anche se viene costantemente ripetuta e gridata.
    Il razzismo si deve affrontare non solo sul piano politico e psicosociale, ma anche sul piano globale, a livello culturale.
    L’oscuramento della ragione si deve all’aver accolto, forse all’inizio inconsapevolmente, per una scarsa coscienza morale, i miti dell’intolleranza fanatica, della disuguaglianza tra gli uomini e della conseguente riduzione dell’avversario a una condizione subumana e della convinzione della sovrumana qualità del proprio gruppo perennemente costretto a difendersi dall’oscura congiura dei sottouomini corruttori della propria razza primigenia e perfetta.
    L’ignoranza degli avvenimenti della nostra storia recente è causata non soltanto dai programmi scolastici e nemmeno dal poco tempo che rimane all’insegnante di storia, oppresso dalla vastità della materia, ma dalla coscienza civica di ogni singolo individuo nella scelta di trasmettere quanto è avvenuto con il dovere di ricordare.
    Il contatto diretto con i protagonisti dei lager è l’aspetto più affascinante, ma anche pericoloso della storia orale perché inevitabilmente soggetto all’emotività.
    Quello che manca delle testimonianze è un quadro complessivo, una serie di narrazioni che permettano un paragone, un confronto tra diverse storie ed una racconto del quotidiano, delle giornate sempre uguali e spossanti, nell’obiettivo e nel fine ultimi del deportato: arrivare a sera, rimanendo vivo.
    La resistenza alla spersonalizzazione e all’annientamento era costituita da piccoli episodi, che si presentavano ogni giorno e dovevano essere superati se si voleva, e poteva, evitare di essere sommersi.
    È possibile essere nazisti, in maniera praticamente inconsapevole, anche in un paese democratico, attraverso quella promozione istituzionale dell’aggressività che consiste nel far parte delle forze armate e di sicurezza, le quali sono considerate indispensabili anche in un paese che voglia mantenersi neutrale.
    Forze di polizia ed eserciti rappresentano una riserva di aggressività istituzionalizzata e autorizzata, con il fine di conservare il sistema, generando dimestichezza e abitudine all’aggressività, confermando una cultura della violenza suffragata e dimostrata dai mass media.
    Un altro esempio di promozione istituzionale è l’emarginazione.
    In ogni paese considerato civile sussistono organizzazioni pubbliche e private che si occupano istituzionalmente del controllo della devianza, che viene così messa sotto controllo per non nuocere e non creare problemi.
    Dunque occorrono dei devianti per attribuire al resto dei cittadini la patente di normalità.
    Questo accade nel nostro mondo equilibrato e civile come ha assunto connotazioni drammatiche nell’Europa nazista e attualmente ancora negli Stati in cui i diritti umani vengono sistematicamente negati e violati.
    Il disimpegno è un altro esempio di promozione istituzionale che privilegia lo status quo, il noto, il già collaudato, le mode e la non partecipazione attiva, la stasi e la non consapevolezza.
    In questa mentalità sono inserite anche la scuola, le istituzioni politiche, culturali e religiose quasi a sottolineare che il pensiero sociale, progressista e lungimirante non paga, sia a livello individuale, sia collettivo.
    Questo atteggiamento molto diffuso ha vantaggi in termini di governabilità, perché la banalizzazione dell’esistenza, la minaccia dell’emarginazione, se non si seguono le leggi della subcultura del proprio gruppo di appartenenza, l’aggressività e la violenza vissute come valore accettabile in determinati contesti, sono la risoluzione per governi mediocri, in lotta per la supremazia e per garantire a chi detiene il potere la minore opposizione possibile, dove i mass media sono in grado di pubblicizzare rapidamente il nemico e il capro espiatorio, come la minoranza etnica, l’atto terroristico, la catastrofe ecologica, fino al più banale dei fatti di cronaca.

    Laura Tussi

  2. Laura Tussi on maggio 18th, 2009 15.54

    LA CONCEZIONE RAZZISTA.
    Il Nazismo e l’Ermeneutica del Male.

    “La posizione del governo sta rasentando l’ottusità costringendo il nostro Paese in una situazione di isolamento internazionale sempre più preoccupante.
    Siamo a una sorta di delirio di onnipotenza che dovrebbe preoccupare tutti coloro che hanno a cuore le sorti dell’Italia: su crisi e immigrazione, in nome della propaganda elettorale, questo governo ci sta spingendo in un tunnel davvero pericoloso”…

    Anna Finocchiaro

    di Laura Tussi

    Nel Mein Kampf, Hitler considera l’ebraismo come il nemico mortale dell’umanità “aria” e del cristianesimo, biasimando tutte le diverse correnti politiche e di opinione che si sono scontrate ideologicamente con il nazismo.
    Secondo Hitler, il vero ed autentico problema storico consiste nella presenza occulta dell’ebraismo internazionale che esercita una costante azione corruttrice del popolo tedesco.
    Il nazismo tedesco propugna un razzismo assoluto per cui anche l’umanità femminile ricopre un ruolo degradato e subordinato dove secondo Hitler “le donne sono oggetti, e ornamenti di un mondo di uomini”.
    L’assoluto razzismo di Hitler riconosce l’esistenza di razze diverse e il pieno diritto della razza superiore di dominare le altre razze nella radicale contestazione dell’idea di uguaglianza propugnata dal marxismo.
    Il concetto di uguaglianza tra gli uomini è considerato da Hitler una corruzione ed intossicazione delle razze, dove il marxismo internazionale avrebbe la responsabilità storica di aver diffuso e propagato il virus dell’uguaglianza tra gli uomini.
    Da queste considerazioni, il nazismo individua il nesso tra uguaglianza, ebraismo e marxismo nella lotta hitleriana contro l’uguaglianza tra gli uomini affermata storicamente dalla cultura progressista e riproposta teoricamente dal marxismo, che per la prospettiva nazista, consiste in un elemento di disordine e caos che turba il regolare svolgimento della natura.
    Secondo la Weltanshauung nazista, il forte domina sul debole e una razza di padroni avrà il diritto esclusivo di utilizzare le risorse della terra a suo unico vantaggio.
    Questa morale, orientata alla lotta per l’esistenza, viene distorta nel momento in cui si affermano i concetti di uguaglianza tra gli uomini e si rivendicano i diritti inviolabili e inalienabili per i singoli individui.
    In base alla concezione nazista, il principio di uguaglianza e la rivendicazione dei diritti universali e imprescindibili della persona scardinano la visione biologica e naturalistica della supremazia della razza forte, introducendo un concetto etico e morale che sovvertirebbe la dialettica naturale dell’esistenza.
    Nei primi decenni del ‘900 era largamente diffusa l’idea che i problemi economici e sociali tedeschi fossero causati dalla degenerazione genetica di una parte della popolazione tedesca.
    Nei primi decenni del secolo, il movimento eugenetico svolse una campagna diffusa per la sterilizzazione obbligatoria delle persone considerate socialmente indesiderabili, tra cui i degenti dei manicomi, gli autori dei reati sessuali, gli epilettici, gli individui con basso quoziente d’intelligenza e le persone moralmente degenerate.
    Il naturalismo razzista propugnato da Hitler diventa una concezione unica con la volontà divina.
    La perenne lotta per l’esistenza con il trionfo del più forte incarna una precisa volontà divina per cui opporsi a questa legge cosmica non solo è contro il naturale svolgimento della vita, ma ponendosi a tutela dei deboli, dei diversi, dei malati, degli antisociali, consisterebbe in una clamorosa violazione della volontà divina contro Dio e contro le leggi naturali.
    Hitler critica il marxismo quale strumento politico della congiura ebraica e internazionale per il dominio della massa sui singoli, ricalcando la tradizionale critica reazionaria alla democrazia.
    Hitler con il sistematico accostamento tra ebraismo e marxismo vuole colpire la complessa corrente di pensiero e di civiltà, alla base dell’evoluzione culturale, civile e sociale della tradizione occidentale, rimuovendo dalla coscienza moderna la concezione stessa dell’uguaglianza tra gli uomini, ossia il grave virus che la cultura ebraica, tramite il cristianesimo, ha diffuso nella civiltà occidentale.
    Questa idea, inerente l’uguaglianza degli uomini al cospetto della divinità, fu costitutiva della tradizione cristiana che attuò una rivoluzione culturale ed etica, proclamando l’uguaglianza di tutti gli uomini di fronte a Dio.
    Questa concezione si radica nella cultura religiosa ebraica da cui è sorto il cristianesimo ed è stata ripresa nel programma politico e sociale del marxismo, in qualità di erede dell’illuminismo e del giusnaturalismo.
    Il razzismo nazista nega radicalmente la concezione dei diritti inalienabili e imprescindibili delle singole persone e dell’uguaglianza tra gli uomini e le razze.
    Il cristianesimo ha propugnato l’uguaglianza degli uomini davanti a Dio.
    Il giusnaturalismo e l’illuminismo hanno laicizzato questa concezione religiosa, proclamando l’esistenza di diritti universali di ogni singolo, uomo e donna e il marxismo ha proclamato con il suo programma sociale, civile ed economico, proprio l’uguaglianza tra gli uomini, proponendo l’antitesi più valida e radicale di ogni concezione razzista, affermando l’utopia della costruzione di un mondo di liberi e uguali.
    L’assolutismo razzista di Hitler agisce in controtendenza rispetto all’evoluzione civile e spirituale progressista della tradizione occidentale, al fine di far emergere una situazione sociale e biologica per cui il più forte possa dominare sul più debole.
    L’assoluto razzismo hitleriano vuole fare coincidere ebraismo, cristianesimo, illuminismo e marxismo come ideologie colpevoli di difendere il principio egualitario e la connessa concezione dei diritti inalienabili che costituiscono per Hitler il massimo crimine contro la visione del mondo razzista del nazismo.
    L’abbinamento nazista tra ebreo e comunista costituisce una manovra propagandistica, attraverso cui l’ebraismo internazionale viene identificato ed utilizzato come capro espiatorio di tutti i problemi della nazione tedesca, con la volontà di contrastare il valore del concetto stesso di uguaglianza dei diritti umani, riportando il contesto della razza dominatrice a una concezione aristocratica, biologicistica e virile della vita e della lotta per l’esistenza.
    La concezione razzista del nazismo, teorizzato da Hitler, prevede il dominio universale e totale della razza superiore da realizzarsi non solo con l’eliminazione sistematica degli ebrei, ma anche con l’annientamento e la sottomissione di tutti i popoli, le categorie e i gruppi sociali considerati inferiori, contro la deriva della modernità, i cui principi fondanti sono rappresentati dall’illuminismo e dal programma marxista che, al contrario, prevede la possibile costituzione di una società di liberi ed uguali.

    Laura Tussi

Bottom