Top

Minacce della Corea del Nord. Lo stato del Paese: militarizzazione/ fame/ malattie

marzo 12, 2009 di Redazione 

In “difesa” di un proprio satellite. Ma secondo l’intelligence americana e giapponese quel satellite è, in realtà, la base di un missile intercontinentale. Intanto, la popolazione nordcoreana continua a vivere in condizioni pessime. Il racconto.

Nella foto, oceanica sfilata militare al Nord

di Andrea ONORI

“Se i nostri nemici opteranno incautamente per intercettare il nostro satellite, le nostre forze armate rivoluzionarie lanceranno senza esitazione una giusta operazione di rappresaglia”: lo afferma in un comunicato ufficiale la Repubblica Democratica Popolare di Corea, meglio conosciuta come Corea del Nord. Stati Uniti, Corea del Sud e Giappone come possibili obiettivi.
“Anche se fosse a scopi pacifici, sparare al nostro satellite significherebbe guerra”. Il problema è che quel satellite, secondo i servizi di intelligence dei Paesi in questione, è la base di un missile intercontinentale, del tipo di quello lanciato il 9 ottobre 2006 quando l’esplosione fu limitata per cui alcuni esperti statunitensi sostennero che il test fosse fallito.

Nel frattempo si sono stemperati gli animi e si è cercato un compromesso per lo smantellamento del nucleare. Il 17 luglio del 2007 gli ispettori delle Nazioni Unite verificarono lo spegnimento di cinque stabilimenti nucleari: in cambio, la Corea del Nord ottenne 50 000 tonnellate di petrolio dalla Corea del Sud.
Dalla cessazione delle ostilità della guerra di Corea nel 1953, le relazioni tra il governo del Nord e la Corea del Sud, l’Unione Europea, gli Stati Uniti e il Giappone sono rimaste tese nonostante negli anni si siano compiuti dei passi in avanti sul nucleare.
Nel secondo dopoguerra l’arma atomica fu adottata da tutte le principali potenze mondiali: l’URSS, il Regno Unito, la Francia e la Cina. Nel corso degli Ottanta si arrivò alla firma dei trattati Start I e Start II, che prevedevano la progressiva riduzione dell’arsenale atomico in possesso alle due principali superpotenze, che era cresciuto fino ad una potenza, appunto, sufficiente a distruggere più volte il nostro pianeta. Attualmente i principali Paesi che dichiarano di possedere armi atomiche sono: Stati Uniti, Russia, Cina, Francia, Regno Unito, Pakistan, India.
Discorso a parte per Israele, che ufficialmente non dichiara di possedere armi nucleari, ma è certo che dispone invece di un arsenale. Mentre Iran e Corea del Nord sono fortemente sospettate. Gli unici Paesi al mondo che hanno pubblicamente e volontariamente rinunciato agli arsenali nucleari che avevano a disposizione sono il Sudafrica , l’Ucraina, la Bielorussia ed il Kazakistan.

Secondo Amnesty International la Corea del Nord è uno dei paesi dalla situazione peggiore per ciò che riguarda i diritti umani e le libertà fondamentali. La Repubblica popolare fatica a sfamare i suoi abitanti. Dopo le carestie degli anni Novanta, che si calcola abbiano causato almeno un milione di morti, l’agricoltura nordcoreana rimane incapace di soddisfare il fabbisogno alimentare nazionale.
Il Paese punta è prepotentemente militarizzato tanto che la più alta carica amministrativa è quella di Ministro della Difesa. Il servizio militare è considerato permanente in base al principio della Nazione Armata. Ogni cittadino adulto è infatti tenuto, senza esclusione di sesso, stato sociale od occupazione, a dedicare parte del proprio tempo all’Esercito.
In Corea del Nord la sanità è “pubblica” e le terapie sono gratuite, ma il sistema sanitario è in rapido declino – ormai dagli anni ’90 – a causa dei disastri naturali, dei problemi economici e della scarsità di cibo ed energia. La maggior parte degli ospedali e delle cliniche sono carenti di medicinali ed equipaggiamenti essenziali, oltre a mancare di acqua corrente ed elettricità. Quasi il 100% della popolazione ha accesso all’acqua e ai servizi igienici, ma l’acqua stessa non è completamente potabile. Diverse malattie infettive come la tubercolosi, la malaria e l’epatite B sono endemiche in tutto il paese.

Andrea Onori

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom