Top

Il progetto vincente de il Politico.it Tre mesi di grandi risultati. I primi

gennaio 28, 2009 di Redazione 

Cari lettori,

Da tre settimane a que- sta parte il Politico.it ha preso ad andare molto forte. In un crescendo della proposta e degli accessi, il nostro giornale arriva a sfiorare il punto più alto della propria presenza in rete, in questi tre mesi di vita. Più alto ancora di quell’inizio vigoroso che rivelò, subito, come sarebbe stato questo portale. Quello per il quale, ad esempio, l’onorevole Laratta ci diede subito la sua fiducia e cominciò quella collaborazione così proficua per noi e per lui della quale gli siamo, sinceramente, molto grati.

C’era stata una flessione, a dicembre, subito dopo lo stop di circa una settimana al quale eravamo stati costretti nostro malgrado da fattori incontrollabili. Una flessione di visite e, anche, alla base, per ciò che riguarda la nostra “vitalità interna”. Ma, superata la pausa natalizia, è ripartito il cammino di questo giornale, in una climax che raggiunge il suo apice in questi giorni, e in particolare nella giornata di ieri, che ha fatto segnare il nuovo record di accessi da quando il Politico.it è accessibile in rete.

Ma le visite sono solo un termometro di una “febbre” che ha preso noi e i nostri lettori, che hanno trovato convincente da subito la nostra proposta di qualità, a dispetto di ogni ricerca facile di consenso e di cifre di letture. Sin dal momento in cui abbiamo cominciato a ragionare su questo progetto editoriale, abbiamo avuto chiaro in mente che ciò che avrebbe contraddistinto questo portale sarebbe stata innanzitutto questo: la qualità: qualità delle scelte di fondo, qualità dei contenuti, qualità, anche, del gruppo redazionale e quindi della proposta anche formale ai lettori.

E quegli stessi lettori ai quali questa proposta è piaciuta subito, si sono appassionati ai primi segnali per i quali si stava compiendo fino in fondo l’idea originale: di una scansione quotidiana di pezzi riconducibili ad una linea editoriale di approfondimento “intelligente” – prescindente dalla dettatura della cronaca - che significa centrato, sul tema di maggior interesse, autorevole e prestigioso, efficace, colorato. Se mi permettete, di “gusto”. Come, da ultimi, i contributi che, da questi giorni, due tra i giovani migliori della politica italiana hanno scelto di proporci, e ci proporranno, attraverso le loro nuove collaborazioni, che sostanziano e definiscono a loro volta il nostro lavoro.

E tutto questo è solo l’inizio. Pensateci: sono passati tre mesi da quando abbiamo mosso i primi passi su questi spazi, e già (non da ora, per la verità) parliamo di successo, risultati, accessi che crescono costantemente. E di consenso. Il vostro consenso, cari lettori, ad un progetto di qualità. Continuate a seguirci: cercheremo di fare, tutti insieme, qualcosa di valido.

Matteo Patrone

Commenti

Commenti chiusi.

Bottom